Forum sul bonsai
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 Tecnica bonsai: La Talea

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Luigi510
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 176
Data d'iscrizione : 26.07.12
Età : 27
Località : Napoli

MessaggioTitolo: Tecnica bonsai: La Talea   Dom 19 Lug 2015 - 19:25

La talea è una tecnica che permette di duplicare (dal punto di vista genetico) una pianta.
In natura, infatti a seguito di eventi traumatici (temporali, inondazioni, ecc.) dalle piante si staccano foglie e rami. Al fine di "ricicalare" questi materiali vivi, molte piante dotano le loro parti della capacità di convertirsi: un ramo per esempio può emettere radici e dare vita ad una nuova pianta.

I bonsaisti usano questa capacità per accorciare i tempi nell'ottenere nuove piante.

Si possono ottenere talee da:
- giovani rami
- germogli
- foglie
- radici

Descrivo ora la tecnica della talea da giovane ramo, che è quella più diffusa:
Il periodo ideale varia da pianta a pianta, ma in generale è la primavera

Prima di tutto c'è da scegliere i rami da asportare dalla pianta madre: è bene che siano meno lignificati possibile. Sono quindi da evitare rami grossi, con cortecce già sviluppate. La lignificazione, infatti rende il legno poco incline a convertirsi in qualcos'altro.
Per una buona riuscita della talea è necessario che il rametto porti con se almeno due internodi: essi infatti contengono delle cellule "jolly" che non si sono ancora sviluppate e possono potenzialmente diventare qualunque cosa.

La secoda fase è quella di preparare la talea: una volta tagliato il rametto si eliminano le eventuali foglie, lasciandone soltanto una, così si riduce la traspirazione dell'umidità che disidraterebbe la talea in breve tempo. Consiglio di cospargere la parte inferiore, quella che andrà inserita nel terriccio, con ormone radicante, una sostanza che si trova in commercio atta a stimolare l'eissione di nuove radici.
Infine si infila il rametto nel terriccio per 2/3. Si abbia cura di far rimanere le talee fuori dal terriccio il minor tempo possibile, in caso è bene avvolgerle in un panno umido.
Il terriccio, che deve essere già stato preparato, va composto con molta sabbia e appena un po di torba. Una volta piantati i rametti, deve essere manenuto costantemente umido ed in un luogo poco luminoso.

La terza fase è quella dell'attesa: si continua a tenere umido il terriccio. Quando si vedono comparire nuove foglie si può spostare la talea in un luogo ove vi sia luce indiretta. Dopo alcuni mesi si avrà la certezza la della riuscita dell'operazione.

In genere la percentuale di successo di ogni talea si aggira intorno al 10%.
ll consiglio è di piantare almeno 10-20 talee, per ottenerne 1-2 piantine.

Le probabilità diminuiscono via via che la preparazione si discosta da dalla traccia che ho indicato.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
Tecnica bonsai: La Talea
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» rosmarino da talea
» Talea o margotta , quale la strada piu' veloce ?
» prunus...che specie?
» il rosmarino
» Margotta: quando staccarla???

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
bonsai-up :: Tecnica Bonsai :: Nascita di un Bonsai-
Andare verso: